Avere un manifesto programmatico significa essere megalomani?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Rispondo subito alla domanda: secondo me, no! Avere un manifesto significa almeno due cose: la prima è che la persona (azienda, associazione..) in questione ha scavato a fondo dentro di sè e dentro la sua attività, tanto da riuscire ad estrapolare alcune parole chiave che descrivono i valori in cui crede e il modo in cui si pone verso il mondo (e anche il modo in cui lavora). La seconda è che il manifesto rappresenta un grande atto di trasparenza e onestà nei confronti del lettore (che può essere un cliente). “Ehi, guarda: questo è quello in cui credo e te lo metto nero su bianco”. Le conseguenze sono sotto agli occhi di tutti: se la persona in questione non rispetta il suo stesso manifesto, ne deriveranno un calo drastico della fiducia che un cliente o un lettore può avere nei suoi confronti. Quindi, il manifesto è una sfida.

Che cos’è il manifesto?

“Manifesto” è una parola che rischia di finire fuori moda: quando la sentiamo, pensiamo infatti a qualcosa di grande, cartaceo e pubblicitario. I grossi manifesti di svariati metri che campeggiano nelle grandi città, ma anche manifesti di concerti, feste ed eventi appesi alle bacheche pubbliche. Manifesto però, come ci dice Wikipedia, è anche questo:

“Un manifesto è una dichiarazione pubblica (in genere espressa in forma di opera letteraria o lettera aperta) che definisce ed espone i principi e gli obiettivi di un movimento o di una corrente politica, religiosa o artistica e di coloro che decidono di aderirvi.”

State navigando su Facebook o Instagram, la vostra attenzione viene catturata da un determinato contenuto che vi porta a cliccare su un link e di colpo siete nel mondo di uno sconosciuto. Dove vi dirigete? Verso la pagina “Chi sono” o “About”: perché sì, volete proprio sapere chi è che scrive, fotografa, pensa in quel modo. Ed ecco il manifesto in tutto il suo splendore: chiaro, semplice, incisivo.

Personalmente, un manifesto che adoro è quello di Giui, fotografa e storyteller (se ancora non la seguite, vi consiglio di farlo: @giui).

Qui invece trovate il mio manifesto. Anche voi avete un manifesto programmatico?

Manifesto Sonetto Bit Greta Cavallari

Greta

Greta

Hello! Sono Greta Cavallari e Sonetto Bit è il mio blog: qui si parla delle mie storie e del mio lavoro nel campo del web content marketing e social media management. Scopri cosa posso fare per te oppure perditi tra immagini e post...d'ispirazione, come piace chiamarli a me!
Greta
Facebooktwittergoogle_pluslinkedin

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *